Codice etico

Codice etico

  • Dimostrare con l’eccellenza delle opere e la solerzia del lavoro la serietà della vocazione al servizio.
  • Perseguire il successo, chiedere le giuste retribuzioni e conseguire i giusti profitti, ma senza pregiudicare la dignità e l’onore con atti sleali e azioni meno che corrette.
  • Ricordare che nello svolgere la propria attività non si deve danneggiare quella degli altri; essere leali con tutti, sinceri con se stessi.
  • Ogni dubbio circa il proprio diritto o pretesa nei confronti di altri deve essere affrontato e risolto anche contro il proprio interesse.
  • Considerare l’amicizia come fine e non come mezzo, nella convinzione che la vera amicizia non esista per i vantaggi che può offrire; che la vera amicizia non richiede nulla, e che se ne devono accettare i benefici nello spirito che la anima.
  • Sempre adempiere ai propri obblighi di cittadino nei confronti del proprio paese, del proprio stato e della propria comunità e agire con incessante lealtà nelle parole, negli atti e nelle azioni. Donare loro spontaneamente lavoro, tempo e denaro.
  • Essere solidali con il prossimo offrendo compassione ai sofferenti, aiuto ai deboli e sostegno ai bisognosi.
  • Essere cauti nella critica, generosi nella lode, sempre mirando a costruire e non a distruggere.

 

Mòddo de comportase

  • Dimostrâ, con l’ecelensa de òpere e co-o dase da fâ in sciô travaggio, a serietæ da vocaçion a-o serviçio.
  • Çercâ o sucesso, domandâ e giuste retribuçioin e avei i giusti goâgni, ma sensa pregiudicâ a dignitæ e l’önô co-o fâ cöse gramme ò che no seggian corette finn-a in fondo.
  • Aregordâse che into fâ a pròpia ativitæ no se deve danegiâ quella di atri: ese leali con tutti, sinceri verso de niatri.
  • Ògni dubio in sciô pròpio diritto ò preteiza inti confronti di atri o dev’ese afrontòu e risòlto anche contra o pròpio interesse.
  • Consciderâ l’amiciçia comme fin e no comme mezzo, ben savendo che a vêa amiciçia a no l’existe pe-i vantaggi ch’a peu ofrî; che a vêa amiciçia a no domanda ninte, e che se ne deve acetâ i benefiççi into spirito ch’o a fa vive.
  • De longo adenpî a-i pròppi òblighi de çitadin inti confronti do pròpio paize, do pròpio stato e da propia comunitæ e agî con incesante lealtæ inte paròlle, inti atti e inte açioin. A liatri donâ de pròpia voentæ travaggio, tenpo e dinæ.
  • Ese solidali co-o pròscimo con l’òfrî conpascion a chi sòffre, agiutto a-i deboli e sostegno a chi n’à de bezeugno.
  • Ese ritegnûo inta crìtica, generozo inta löde, avendo de longo in cheu de costruî e no de destrue.